Contenuto

Le celebrazioni del Carnevale in giro per il mondo

Il Carnevale nel mondo

Tra i numerosi (e saggi) detti popolari portoghesi, ce n’è uno dedicato in particolare a questa stagione e che riassume l'entusiasmo di coloro che lo celebrano. Abbiamo solo due giorni per vivere e il Carnevale è il terzo. E la verità è che, quando arriva il tempo dei grandi festeggiamenti, tutto il tempo del mondo non basta.
Questo “addio ai piaceri carnali" è annunciato dall'arrivo della Quaresima, celebrata dalla Chiesa cattolica. Le origini della celebrazione potrebbero essere remote e risalire più o meno al 600 avanti Cristo, nella civiltà greca.

Secoli dopo, i paesi cattolici abbracciarono questa tradizione e, con la colonizzazione, la esportarono in paesi lontani come il Brasile e l‘Africa.

La tradizione persiste in tutto il mondo, adattandosi al paese ospitante. In Brasile, Colombia, Italia o Francia, ci saranno sicuramente tre giorni di festa. Ed è meglio che vi prepariate a tutto: non dimenticate che a Carnevale, ogni scherzo vale. Il Brasile è oggi uno dei paesi più tolleranti del Sud America, quindi, Rio de Janeiro è la destinazione perfetta per dare sfogo alla vostra fantasia e liberarvi dei pregiudizi. Rilassatevi e siate i benvenuti nella “città meravigliosa", conosciuta anche come la "capitale" del Carnevale.

Le celebrazioni che precedono il Mercoledì delle Ceneri sono il risultato di un anno di duri preparativi. Si inizia ufficialmente con l'incoronazione di Re Momo: un divertente “maestro" che possiede la chiave della città come simbolo dell’inizio del suo regno.

Una volta entrati nei festeggiamenti, è impossibile allontanarsene. Ci sono più di 300 blocchi di Carnevale che rappresentano tutti i quartieri, con temi diversi. Dai più famosi (e storici), si passa al Cordão do Bola Preta, alla Banda di Ipanema, al Sovaco de Cristo, che gira intorno al Giardino Botanico, e al blocco delle Carmelitas, che attraversa Santa Teresa

Tutte le strade sono chiuse al traffico e sono piene di gente di ogni età, colore e classe sociale. Ballerini professionisti e figuranti agitano i loro corpi al ritmo di samba, uno stile di musica inventato dagli afro-brasiliani all’inizio del XX secolo.

Se desiderate assistere a tutti gli spettacoli, il Sambódromo contiene 72 mila spettatori e, anche così, è meglio acquistare il biglietto in anticipo. Non ci credete? Pensateci: il Carnevale di Rio attira oltre 500 mila persone ogni anno.

Ancor più lungo di quello di Rio, i festeggiamenti iniziano sei giorni prima del Mercoledì delle Ceneri. 

Lo sapevate che in questa città è nato il primo trio elettrico? Nel 1950, Adolfo Dodô Nascimento e Osmar Alves crearono la “Fobica", una vettura antica adattata per piccoli concerti itineranti. Oggi, enormi auto con esibizioni musicali dal vivo sono d’obbligo durante i festeggiamenti di Bahia.

Per assistere agli spettacoli che sfilano lungo l’Atlantic Avenue, potete affittare una cabina fissa o trasformarvi in “popcorn" che uniscono le persone che ballano in strada. E per la gente del posto, il ballo è diverso dalla samba. L’Axé è un misto di Frevo e Afoxé, entrambi con radici africane, fortemente rappresentate nella città.

I tour tradizionali per le sfilate partono da Barra da Ondina / Dodô, Campos Grande / Osmar e Batatinha / Pelourinho, nel centro storico. Se volete evitare le sfilate, ma desiderate ascoltare tutte le esibizioni musicali, i quartieri di Itapuã, Cajazeiras, Plataforma, Liberdade, Periperi e Boca do Rio si riempiono di noti artisti e ritmi scatenati.



Pupazzi e fiori

Come in molte altre città, il Carnevale giunse a Nizza come giustificazione per le persone che solevano organizzare grandi festeggiamenti prima dell‘arrivo della Quaresima. La più antica menzione della celebrazione risale al 1294, quando il conte Carlo d'Angiò parlò degli “incredibili giorni di festa" che vi si svolgevano.

Secoli dopo, i buoni riferimenti perdurano. La manifestazione moderna del Carnevale iniziò nel 1873 e il centro della festa è ancora oggi Place Massena, la piazza principale della città.

Oltre alle sfilate di pupazzi giganti, anche le Battaglie di fiori sono molto note qui. Ogni anno, sulla Promenade des Anglais, potete assistere a una battaglia epica di colori e profumi, quando 16 automobili gettano milioni di fiori sulla gente.

Per l'ultima celebrazione, il re del Carnevale passeggia sulla spiaggia e potete udire la gente che urla, “Viva il re! Il Re è morto!” E per festeggiare a Nizza, il lancio di coriandoli e serpentine è essenziale. Potete acquistarli a ogni angolo. 

Se volete sfuggire ai festaioli, nei dintorni ci sono altri festival. Godetevi una scappatella a Mentone (30 minuti da Nizza) dove si celebra la Festa del Limone, o anche a Villefrance, un piccolo villaggio vicino al fiume dove potete assistere a una versione in miniatura di una Battaglia dei Fiori... dentro l‘acqua.

Una festa ricca di illusioni

Torna il freddo in Europa, l‘idea di indossare una maschera e un lungo mantello di velluto nel Carnevale di Venezia suona molto utile... Ma la verità è che l'uso della maschera è molto più teatrale e misterioso di quanto si possa immaginare.

Durante i festeggiamenti, ai nobili e al popolo era consentito mangiare e bere senza rivelare la propria identità. All’interno del rigido sistema gerarchico del XVII secolo, l’uso di una maschera era la scusa perfetta per festeggiare senza paura delle conseguenze. Principe o ladro, non avrebbe avuto alcuna importanza in questa occasione.

Dell’atmosfera teatrale della stagione si è perso molto poco. La maschera è stata mantenuta e, a partire dal tradizionale “Barta" bianco, per arrivare ad altre molto più bizzarre quali il "medico della peste" (il falso dottore), sta ai partecipanti scegliere la propria. Il concorso per scegliere la maschera più bella è a marzo e questo è anche un modo per esibire i migliori costumi in Piazza San Marco, fulcro dell’azione.

Due settimane prima dell'inizio della Quaresima, si parte con il “Volo dell'Angelo": una ragazza che indossa una maschera si lancia dal campanile della Basilica di San Marco fino al centro della piazza. La festa delle illusioni è ufficialmente iniziata. Godetevi la bravata e mettetevi in gioco.
A nord della capitale Bogotà, il primo Carnevale di Barranquilla fu celebrato più di 100 anni fa, quando la città era molto piccola.

Preparatevi a una vera e propria fusione tra colori, razze, credenze e ritmi. Dai discendenti degli indigeni ai coloni spagnoli, gli africani portarono a schiavi e immigrati il mix di culture risultato da una festa straordinaria che celebra la differenza.

Si inizia quattro giorni prima del mercoledì e il culmine si raggiunge durante la famosa (e molto colorata) Battaglia dei Fiori. In questa parata, i riflettori sono puntati sul Re Momo, su Maria Moñito, sull’Uomo Caimán e sui gruppi di ballerini e maschere come i marimondas e i gigantonas

Per il gran finale, la morte simbolica di Joselito Carnival segna l‘inizio della Quaresima e la fine dei festeggiamenti. Poco prima della sua sepoltura, alla Parata 84, la Regina del Carnevale si veste tutta di bianco e finge di essere la vedova scattante del marito morto.

Tuttavia, il motto di Barranquilla va seguito anche in quel caso: “Quien lo vive, es quien lo goza”. Quelli che vivono sono quelli che possono goderselo e per questo, lo spettacolo deve andare avanti fino alla sepoltura, con danze e ritmi tradizionali colombiani come cumbia, porro, mapale, gaita, chandé, fandango e puya.

Trova ispirazione nei nostri suggerimenti

Esplora le nostre destinazioni

Funchal
Portogallo Funchal
Vita notturna Spiaggia
Rio de Janeiro
Brasile Rio de Janeiro
Avventura Spiaggia Gastronomia Vita notturna
Venezia
Italia Venezia
Cultura Gastronomia Momenti romantici
Città più vicine
      Seleziona data
      Seleziona date
      Mi Piace
      Vai alla versione accessibile su youtube.
      WishList
      Condividi