Contenuto

10 punti essenziali di Salvador da Bahia

10 Salvador da Bahia in breve

Al polso, il nastro Bonfim e la promessa che almeno uno dei vostri tre desideri si avvererà, mentre nell’anima, la benedizione di tutti i santi che risiedono nelle acque cristalline del golfo.

1 — Cenni storici

Nel 1501, un anno dopo la scoperta del Brasile da parte di Álvares Cabral, il navigatore Gaspar de Lemos e Amerigo Vespucci giunsero a Baía de Todos os Santos e battezzarono il posto con questo nome poiché arrivarono il 1 novembre, giorno della celebrazione di tutti i Santi.

Questa baia, la seconda più grande al mondo, era abitata dagli indiani Tupinamba. Verso il 1509, Diogo Alves Correia, sopravvissuto al naufragio di una nave francese, fu il primo europeo a sposare un indiana nativa. Il villaggio (Velha) dove si stabilì, era un porto strategico per le navi di passaggio.

Su ordine del re D. João III, fu implementato un sistema di capitanerie ereditarie che, tuttavia, non ebbe il successo previsto inizialmente. In seguito, la monarchia portoghese nominò Thomé de Souza governatore del Brasile. Egli approdò a Porto da Barra nel marzo 1549 e ordinò la costruzione della città-fortezza, São Salvador da Bahia de Todos os Santos. Per due secoli (fino al 1763) Salvador è stata la capitale del Brasile e dell’America cattolica.

È impossibile parlare di questa regione senza menzionare il commercio transatlantico di schiavi che ebbe inizio nel XVI secolo con l'espansione portoghese sulla costa africana. Le prime notizie sulla presenza di africani a Salvador risalgono al 1550; la maggior parte proveniva dalle coste dell’Africa occidentale. Essi furono trasportati in Brasile per lavorare nelle piantagioni di Bahia de Todos os Santos e nelle miniere d‘oro.

Gli africani trasmisero gioia e musicalità alla cultura brasiliana o, come disse Gilberto Freyre, “un modo di parlare dolce e musicale. Inoltre, resero più speziata la cucina di Bahia”. La schiavitù fu abolita nel 1888. Oggi, Salvador è la città più nera del mondo al di fuori dell’Africa.

 

2 — I doni dei bahiani…

Le strade colorate del centro storico di Salvador odorano di olio di palma. Anche a occhi chiusi, l‘aroma inviante che percepiamo ci permette di arrivare al banchetto di acarajé della donna bahiana nel Terreiro da Cruz. Questo piatto è il fondamento della cucina di Bahia e alimenta le divinità del Candomblé.

La varietà della cucina locale, che può essere scoperta in modo più approfondito nel Museo gastronomico, è il risultato di una combinazione di ingredienti della terra (locali), del regno (Portogallo, Europa e Asia) e della costa (quelli dalla costa africana). Questa base ha prodotto moquecas (zuppa di pesce), stufati di carne, vatapá e caruru. Anche birra fredda e caipirinha sono una costante. La festa non è finita senza cocada nero, quindim de Yáyá, baba de moça o i deliziosi bolinho de estudante.

 



Senac

Questo è il posto giusto per iniziare ad apprendere la cucina locale. Partiamo con l’abará, che somiglia all’acarajé, ma è bollito invece che fritto. Assaggiamo il carucu, un gustoso paté di gombo e pesce, calamari e merluzzo. Resta poco spazio per il pollo Xim Xim, la maxixada, lo stufato di fagioli e il porridge di manioca. Serve anche spuntini bahiani. Possiamo garantire che la carne, grigliata sul momento, era certamente la più tenera. Il cibo è accompagnato da uno spettacolo folcloristico bahiano con danze orisha, teatro puxada de rede, xaxado, maculelé. fantastici ballerini di capoeira e samba di gruppo. Gli insaccati e la manioca fritta sono a poca distanza. Qualunque cosa facciate, non rifiutate il rum fatto in casa (cachaça) alla fine del pasto. Questo tradizionale piatto bahiano fritto in olio di palma, è affettato come un sandwich. Il ripieno è composto da vatapá, pomodoro e insalata di cipolla e gamberetti essiccati. Un altra famosa ghiottoneria è il bolinho de estudante, che si mangia subito dopo.

Maria Betânia canta, “Bahia, prima stagione del Brasile"; è la culla della Música Popular Brasileira e tutti gli abitanti di Salvador cantano delle curve della giovane mulatta che ha il "Candomblé nel suo ritmo". Bahia ha dato “equilibrio“ a Gilberto Gil, mentre ha regalato a tutti noi samba, bossa nova, carnevale e anche axé, forró, reggae, afoxé e olodum. A Baixa dos Sapateiros, Dorival Caymmi trovò “la più elegante bruna di Bahia".

Questa “terra della felicità" è cantata dai Novos Baianos in "Brasil Pandeiro" e altre canzoni. Il terreno fertile di Bahia ha prodotto musicisti e cantanti come Dorival Caymmi, João Gilberto, Tom Zé, Gilberto Gil, Caetano Veloso, Maria Bethânia, Gal Costa, Daniela Mercury, Ivete Sangalo e molti altri.

Vinicius de Moraes ha immortalato la spiaggia di Itapuã nelle sue canzoni. Inoltre, il poeta avrebbe voluto essere nato dal grembo di Mãe Menininha. Dal Terreiro do Gantois, Dorival Caymmi rese omaggio alla più venerata Santa Madre di Salvador. Più focalizzata sui piaceri terreni, “Maria Caipirinha" di Carlinhos Brown può essere vista come la storia di molti a Bahia.

Alcuni imparano a conoscere questo luogo magico attraverso le canzoni e, una volta arrivati, guardando quella baia enorme, riconoscono i luoghi che sono stati a lungo parte di una mappa musicale invisibile. Prendendo in prestito le parole di Gilberto Gil: “È il blu che vediamo/ Nel blu del mare di Bahia / È il colore che parte da lì / E vive nel mio cuore”.


4 — Salutate i miei orisha
Nel 1937, quando Jorge Amado scrisse Capitani della spiaggia, le religioni di origine africana erano vietate e praticate in luoghi segreti dai neri liberati di recente. Bianchi, neri, mulatti, la gente coinvolta era protetta dalla Mãe de Santo Don‘aninha e da Padre José Pedro. La trama del romanzo si concentra sul rapporto che i bahiani hanno con la religione.

Profondamente religiosa, non volta le spalle al cattolicesimo, né trascura le offerte ai propri orishas, divinità che personificano le forze della natura. Popolata da terreiros, che risalgono al tempo della schiavitù, Salvador è la capitale del sincretismo, in cui varie fedi convivono in perfetta armonia. Per secoli, il cattolicesimo fu imposto ai neri, costretti a trovare un equivalente nei santi cattolici.

Dagli anni ‘60 in poi, artisti e intellettuali diedero vita a un movimento per incorporare questi ritmi africani nella musica. Attraverso il “Canto de Ossanha", Baden Powell e Vinicius de Moraes favorirono l’accettazione del Candomblé in Brasile e oltre. Oggi, i pacchetti turistici includono le cerimonie del Candomblé e anche visite a una mãe de santo e ai suoi buccini (conchiglie).

 

5 — Essere bahiani

“I bahiani non nascono, fanno il loro debutto; non muoiono, escono semplicemente di scena". Queste sono le parole di Nizan Guanaes, guru del marketing bahiano e “uno dei brasiliani più influenti al mondo".

Essere di Bahia è uno stato mentale, ben descritto nell'espressione “Sorridi, sei a Bahia", che i venditori di nastro Bonfim ripetono continuamente. Lo storico Roberto Carlos afferma che “tutto è possibile a Bahia. La prostituta partecipa, il gigolò s’innamora. È l’Isola che non c’è”. E ci assicura che “quando i bahiani non sono in festa, stanno facendo le prove".

Una cosa è certa, i bahiani non dormono molto. La maggior parte delle persone che incontriamo, si alza verso le cinque del mattino per fare sport, Tai Chi, portare a spasso il cane o nuotare in mare. Fanno colazione con calma e poi vanno al lavoro. Nel pomeriggio, escono dal lavoro, si siedono con gli amici e gustano uno spuntino o una birra. A Salvador, ci sono giorni specifici per andare al Pelô, così come il martedì è il giorno per le benedizioni, una tradizione del XVIII secolo in cui viene benedetto il pane di Santo António.

Alle sei, nella chiesa del Rosário dos Pretos, si celebra una messa afro-bahiana che include strumenti utilizzati nei terreiros de candomblé (luoghi di culto). L‘aspetto religioso della celebrazione è stato da tempo superato e le piazze del centro storico, con i nomi dei personaggi creati da Jorge Amado, sono piene di musica e gente che cerca di sentire l'axé (buona energia), che esiste solo a Bahia.

 

6 — Bahia cristiana

Si dice che ci siano 365 chiese a Salvador da Bahia. Secondo le informazioni dell’arcidiocesi di Salvador, ce ne sono altre nove. Dorival Caymmi, un cantautore che avrebbe avuto 100 anni nel 2014, giurò che fossero 365, una per ogni giorno dell’anno, e fu questo il numero che entrò nel folklore bahiano. Indipendentemente da quante siano in realtà, è impossibile ignorarle e ignorare le loro diverse storie. Una delle più affascinanti, è quella della chiesa Conceição da Praia, le cui pietre furono spedite dal Portogallo e assemblate nel quartiere di Cidade Baixa. Progettato da José Joaquim da Rocha, fondatore della scuola di pittura di Bahia, il soffitto della navata mostra prospettive incredibili. Il suo contenuto è la prima dimostrazione completa del barocco di D. João VI in Brasile. Prendetevi un momento per ammirare l‘altare in argento e oro bianco.




Chiesa del Senhor do Bonfim

Il risultato di una promessa mantenuta dal capitano dalla città portoghese di Setúbal per aver trovato un porto sicuro al termine del suo viaggio. Dal Portogallo fu spedita una replica del santo e la chiesa fu costruita tra il 1746 e il 1772. Dal XVIII secolo, ex schiavi e altra gente ripuliscono il sagrato e i gradini della chiesa. Tutto ebbe inizio con i preparativi per la festa del Senhor do Bonfim, che si svolge la seconda domenica di gennaio, ed è ora la festa più popolare della città dopo il Carnevale.

Questo rituale fu separato dalle celebrazioni cattoliche e ha luogo il secondo giovedì del mese di gennaio, quando i seguaci del Candomblé iniziarono a identificare il Senhor do Bonfim con l’Orisha Oxalá. Vestite di bianco, le donne di Bahia percorrono otto chilometri a piedi, dalla chiesa della Conceição da Praia do Bonfim al cimitero di Bonfim, con acqua profumata. Le celebrazioni si dissolvono al suono dei trii elettrici.

 

Chiesa di Nossa Senhora do Rosário dos Negros

Caratterizzata da varie tonalità di blu, situata alla fine della salita Pelourinho, questa chiesa fu fondata nel 1685 da una delle prime confraternite di schiavi emancipati del Brasile per consentire ai neri di pregare. Avvolti dall’architettura coloniale e rococò, i visitatori ascoltano la messa seguita da una processione in cui Nossa Senhora do Rosário, una santa bianca, è adorata da gente di colore. La cultura nera ha influenzato l’omelia tradizionale, con il coro accompagnato da percussioni, mentre la preghiera dei santi rende grazie agli orishas.

 

Basilica cattedrale

A Terreiro de Jesus troverete la Cattedrale, che in precedenza era un collegio dei Gesuiti. La facciata ricorda una nave capovolta ed è realizzata interamente in pietra calcarea di Lioz importata dal Portogallo. Secondo lo storico Roberto Carlos, “le idee di padre António Vieira erano più fertili qui”.

Chiesa e Convento di São Francisco Nota per essere “povera all'esterno e ricca all’interno", la chiesa di São Francisco vanta circa 730 chili d'oro ed è uno dei migliori esempi di barocco brasiliano. Al suo interno ospita mezza tonnellata di sculture in legno dorato con il metallo prezioso che ha reso il Brasile la terra delle opportunità.

Il soffitto della portineria offre una prospettiva di José Joaquim da Rocha con la Vergine Maria, mentre i chiostri sono rivestiti con 136 pannelli di piastrelle ispirate al libro Teatro moral da vida humana, che “sarebbe stato usato per insegnare il catechismo agli analfabeti". Cercate l‘altare di Santa Ifigénia, la prima nera a essere canonizzata, e di São Benedito, un altro santo di colore, che porta un ragazzo bianco tra le braccia.

 

Ordem Terceira de São Francisco

Situato accanto alla chiesa e al convento di São Francisco, il chiostro vanta un pannello di piastrelle raffigurante Lisbona prima del terremoto del 1755 e il corteo matrimoniale di D. José. La facciata manierista è l‘unica del suo genere nel paese ed è considerata uno dei più importanti esempi di barocco in Brasile.

 

 

Fino al XX secolo, era coperta di malta e fu scoperta per caso da un elettricista. La parata del 2 luglio (giorno dell’indipendenza di Bahia, 1823) parte da Largo da Lapinha e si snoda attraverso il centro storico. Anche i caboclos sfilano e c’è una satira politica con manifesti, costumi e canzoni.



7 — Pelô e altri quartieri

Eletta immagine rappresentativa principale della città sulle cartoline e patrimonio dell’umanità dal 1985, somiglia a una città fortificata portoghese con una iniezione di colore, essendo stata costruita a imitazione delle città medievali. Ricco di palazzi, Pelourinho (Pelô) è stato il centro commerciale e amministrativo della città fino al XX secolo e, senza dubbio, il quartiere con più chiese barocche per metro quadrato.

Abbiamo preso l’Elevador Lacerda, che collega periferia e centro della città, considerato “il modo più veloce e più economico per un bahiano per salire nel mondo". Il tour e i racconti iniziano nella Praça comunale, dove troverete il Palazzo Rio Branco, il Municipio (1549), la sede della Prefeitura, progettati dall’architetto di Rio Lelé, e l‘ascensore che ci ha portato qui, operativo dal 1873.

Nella piazza del Duomo, passerete davanti alla statua di Pedro Fernandes Sardinha, il primo vescovo brasiliano che “si faceva pagare a peso d’oro per rimettere i peccati". La sua fine non fu delle migliori: fu mangiato dagli indiani. Il suo successore Pedro Leitão fu più fortunato. “Agli indiani non piaceva il maiale", scherza Roberto Carlos. A Ladeira do Pelourinho, ci fermiamo davanti alla porta col numero 68. Fu qui che Jorge Amado scrisse Sudore, Quincas Berro D’ Água e Dona Flor. Eccoci finalmente nella piazza più famosa della città, un luogo dove gli schiavi venivano percossi e venduti.

Uno dei palazzi ospita la Fondazione Jorge Amado. Fu qui che Michael Jackson registrò parte del video di They Don’t Care About Us, che divenne un inno contro l‘ingiustizia sociale. Oggi, il negozio che prestò il balcone al cantante è molto famoso e potete anche farvi fotografare accanto a un’immagine del cantante in cartone.

 

Rio Vermelho

Il quartiere di Rio Vermelho era una grande zona residenziale e il luogo in cui gli intellettuali di Bahia si sarebbero incontrati all’inizio del secolo scorso. È qui che si concentra la vita notturna della città, con bar che offrono samba e jazz e ristoranti alla moda. Sulla riva del mare, accanto alla Casa do Peso, sorge la Chiesa di Santana, gestita dai pescatori e dove la popolazione locale venera Yemanjá (la dea del mare). Il 2 febbraio, i festeggiamenti dedicati alla dea iniziano alle cinque del mattino. Le offerte ricevute vengono gettate a mare. I vari terreiros della città si radunano qui, suonando tamburi mentre rendono omaggio a uno dei principali orishas del Candomblé.

 

Cidade Baixa

Le principali attrazioni di quest’area sono Monte Serrat Fort e Ponta de Humaitá, un luogo unico per godersi il tramonto. Nei pressi dell’Avenida Centenário si trova il Dique do Tororó, una palude prosciugata dagli olandesi nel 1624, trasformata poi in area ricreativa. Da segnalare sono anche gli orishas di Tati Moreno, che sembrano camminare sulle acque.

Proseguiamo per la Ribeira che, nel XVII secolo, era una località balneare e dove le famiglie di Reconcavo erano solite trascorrere le loro estati. Gustatevi un gelato alla Sorvetaria da Ribeira, aperta nel 1931, che vanta un totale di 64 gusti. Esplorate i ristoranti di pesce sulla spiaggia di Penha e riservate del tempo per scoprire la Feira de São Joaquim, una vasta area dove acquistare frutta e verdura, animali vivi e morti, articoli religiosi e oggetti di artigianato dell’entroterra.

 

Barra

È situata all’ingresso della Baia di Tutti i Santi dove, nel 1536, ebbe inizio la colonizzazione della regione. Gli anni ‘70 furono un periodo di controcultura e i tropicalistas si stabilirono qui. Potete visitare il faro di Barra e le spiagge e fare una sosta nei bar o, semplicemente, fare una passeggiata sul lungomare, che da agosto è chiuso alla maggior parte dei veicoli. La domenica pomeriggio intere famiglie invadono l’area. C’è cibo da strada per tutti i gusti e, ogni due settimane, ha luogo una fiera gastronomica con chef bahiani. Il circuito del carnevale, il Dodô, Dodô e Osmar inventarono il Trio Elétrico (palco mobile), parte da qui verso Ondina. In questo periodo dell’anno, numerosi edifici sul lungomare, tra cui l’Oceania in stile art deco, vengono affittati e convertiti in capanne con discoteche e ristoranti.


8 — Arte, letteratura e artigianato

Luogo fertile per il talento, Bahia è la città natale non solo di musicisti meravigliosi, ma anche di artisti famosi: Calanzans Neto, Mário Cravo e Bel Borba. Glauber Rocha l’ha ripresa in Deus e o Diabo na Terra do Sol, diventato un punto di riferimento del Cinema Novo. Originario dell’isola di Itaparica, anche João Ubaldo Ribeiro l’ha usata più volte per il suo immaginario letterario.

Poi ci sono i figli adottivi, come Carybé e Pierre Verger. Il primo è nato in Argentina, ha ballato la capoeira e ha partecipato ai terreiros del Candomblé. L’ultimo, un fotografo francese, è arrivato a Salvador nel 1946, si è mescolato con la gente del posto ed è diventato uno studioso del culto Orisha.

Vale anche la pena di ricordare gli artisti anonimi che creano oggetti che si possono trovare nei mercati della città. Un applauso alle donne di Bahia che, oltre a sorridere sempre, conoscono 118 modi per sistemare il turbante intorno alla testa.

C’è una teoria secondo cui si tratta di una reinterpretazione degli archi della montagna, degli sloop e dei campanili delle chiese, e un’altra idea più popolare, che è quella delle tante curve delle donne di Bahia. Inoltre, l‘istituto offre corsi di ceramica, ricamo e tessitura all'interno della comunità. Il tema iniziale fu l‘organico e, dal 1970 in poi, piante e animali lasciarono il posto ad altri soggetti. Dipinge su “tela, carta, legno, ferro, seta, cotone, giocattoli, sedie, tavoli, ceramiche, biciclette, pietre, orologi, cravatte e zucche." Recentemente, ha iniziato a sperimentare con le luci sui computer. Il suo lavoro può essere acquistato presso la Galleria Paulo Darzé. Una delle espressioni culturali di derivazione africana più antiche di Bahia; il ritmo nasce dal suono di un berimbau. A Forte de Santo António Alem do Carmo, si pratica la capoeira ogni mercoledì,venerdì e sabato alle 19:30. Vale la pena di andare a Ribeira, a Casa de Prentice, per incontrare questo artigiano di Bahia che dipinge su piastrelle da 48 anni. La conversazione è meravigliosa. Casa de Prentice \\\ prenticeart@yahoo.com.br

Lasbonfim Nel Terreiro de Jesus troviamo questo negozio progettato dal figlio di un cercatore d’oro che si è dedicato a lungo al meraviglioso mondo delle gemme. Qui si trovano diamanti grezzi e tagliati.

Con quasi 500 anni di storia, Salvador è un museo a cielo aperto contenente più di 70 musei che vanno dal sacro al profano, dalle arti alla letteratura, con molta Africa nel cuore.

Museo di Arte Sacra (UFBA)

Situato nel Convento di Santa Teresa de Ávila fondato dai Carmelitani Scalzi nel XVII secolo. I visitatori possono studiare le rotte degli schiavisti, osservare l‘abbigliamento e le acconciature dell’epoca o ammirare i pannelli in legno scolpiti da Carybé. Godetevi il tramonto nel parco di sculture lungo le opere di Bel Borba, Mário Cravo Junior, Maestro Didi e Carybé. La collezione comprende opere di Tarsila do Amaral e Portinari. Ulteriori informazioni

 

Faro di Barra – Museo Nautico di Bahia


Ospitato nel Forte de Santo António da Barra, il più antico edificio militare del Brasile (1534), questo museo vanta una collezione di reperti archeologici, strumenti di navigazione e altri oggetti legati al mare. C‘è anche una mostra permanente sulla geografia, sulla storia, sull'antropologia e sulla cultura della Baía de Todos os Santos. L‘autore è stato anche il fautore della legge sulla libertà di religione che protegge il Candomblé. Ci immergiamo nei molti titoli che costellano la sua opera; osserviamo l’abito dell’Academia de Letras, la sua macchina da scrivere e le camicie che dimostravano il suo amore per il paese tropicale. L‘obiettivo è quello di aiutare i visitatori a conoscere l'uomo e gli oggetti da lui raccolti durante i suoi viaggi per il mondo. Seguendo la massima, “quando siete a Bahia, fate come fanno i bahiani", queste spiagge sono per gli intenditori.

Nel 2007, il Guardian ha eletto Praia do Porto Barra una delle tre migliori spiagge del mondo. È bene sapere che durante i fine settimana, la spiaggia è invasa dalla gente dell’entroterra, quindi se desiderate una giornata tranquilla, è meglio andarci in settimana.

Ad Amaralina potete trovare le donne bahiane che vendono acarajés. Sotto gli alberi di cocco di Jardim de Alá, vedrete delle massaggiatrici che propagandano “centri benessere" all'aperto. La spiaggia migliore per nuotare è Piata con le sue piscine naturali. Immortalata dalla canzone di Vinicius, la spiaggia di Itapuã vanta un che di selvaggio durante la settimana. Nel fine settimana, come il resto della costa, è presa d’assalto da gente che farebbe di tutto per abbronzarsi. Gli amanti del surf possono godersi le onde di Aleluia, Stella Maris e Juaguaribe.

L‘isola di Itaparica Prendete una goletta nel porto di Salvador e raggiungete quest’isola al centro della baia. Superiamo il Forte de São Marcelo, costruito nel corso del XVII secolo, e facciamo una pausa sulla Ilha dos Frades. Dopo un tuffo rinfrescante, saliamo fino alla Igreja de Nossa Senhora da Guadalupe, prima di proseguire verso Itaparica. Per prima cosa, un buffet tra le mangrovie; poi partiamo alla scoperta delle bellezze dell’isola.

La più sconcertante di tutte è la fontana Fonte da Bica da cui, secondo Neguinho Edson Jorge, sgorga l‘elisir dell’eterna giovinezza.

 

testo Maria João Veloso / foto João Carlos

Trova ispirazione nei nostri suggerimenti

Esplora le nostre destinazioni

Salvador
Brasile Salvador
Cultura Spiaggia
Città più vicine
      Seleziona data
      Seleziona date
      Mi Piace
      Vai alla versione accessibile su youtube.
      WishList
      Condividi