Contenuto

Norvegia. Esiste veramente un paese così?

Norvegia. È un Paese vero?

Visitando la Norvegia possiamo demistificare il basso profilo apparentemente mantenuto dal Paese più settentrionale della Scandinavia. La bellezza naturale regna qui come in nessun altro posto al mondo.
Arriviamo: Oslo

Quando si mette Oslo a paragone con altre destinazioni scandinave, si tende a favorire più comunemente il fascino di Copenhagen, l’atmosfera cosmopolita di Stockholm e l’esotismo indefinibile di Helsinki. E poi c'è Oslo, la capitale di un Paese ricco di petrolio ed estremamente sicuro, e anche la seconda città più cara del mondo nel 2014.

Anche se Oslo ha la reputazione di essere un po’ grigia, la verità è che nell'ultimo decennio ha vissuto importanti cambiamenti. Oltre ad aver attraversato un periodo di rapida crescita demografica e commerciale, è piuttosto nell’architettura e nel design che identifichiamo la trasformazione. I lavori di ristrutturazione del Progetto Città del Fiordo che hanno interessato diversi chilometri del lungomare di Oslo saranno completati nel 2020, solidificando il legame della città con il mare.

Lo spettacolare Teatro dell’Opera (dentro e fuori), inaugurato nel 2008, è il miglior esempio di questa rinascita e un punto di riferimento della nuova Oslo. Oltre a solidificare la sua ampia offerta culturale, Oslo è diventata la meta preferita per chi ama passeggiare nelle giornate di sole.

Vale la pena visitare Oslo?

Per molte ragioni! Il suo antico nome era Christiania, e divenne la capitale della Norvegia nel 1834, dopo che il Paese ottenne l’indipendenza dalla Danimarca ed è abitata oggi da 600 mila abitanti. Anche se il Progetto Città Fiordo è ambizioso, Oslo è comunque un posto con un carattere proprio. Dopo tutto, è qui che alcuni dei più grandi artisti europei hanno lasciato il loro segno.

Primo fra tutti, Edvard Munch (1863-1944). Senza dubbio si tratta di uno dei pittori più influenti del XX secolo, e la cui presenza aleggia ancora in tutta la città, come quella di Fernando Pessoa a Lisbona e Frank Kafka a Praga. Luoghi come il Munchmuseet e il Nasjonalmuseet celebrano i capolavori di Munch, fortemente ispirati da temi psichici, cosi come il distretto diGrünerløkka, dove il pittore visse durante la sua giovinezza ed è oggi uno dei punti caldi per artisti emergenti e per la realizzazione di progetti.

Anche il più grande drammaturgo dopo Shakespeare, ha il suo museo, installato nella casa dove egli trascorse gli ultimi anni della sua vita. Si tratta di Henrik Ibsen (1828-1906), una figura ben nota che era solita passeggiare per le strade di Oslo nei primi anni del 1900, ed era famoso per il suo cappello a cilindro, che indossava con orgoglioso.


Veramente insolito è il paesaggio al Parco Vigeland, una delle mete caratteristiche più visitate della Norvegia, che attira più di un milione di persone ogni anno. Situato nel quartiere di Frogner, nella parte ovest della città, questa immensa area verde mette in mostra il lavoro di una vita dello scultore Gustav Vigeland (1869-1943): 212 sculture in bronzo, granito e ferro, che riflettono la lotta inerente alla condizione umana. Davvero una sorpresa per chi passa da queste parti, specialmente la roccia alta 14 metri.
Oslo è ideale per le passeggiate. Una passeggiata al centro porta sempre al palazzo del Municipio sulla Rådhusplassen. Anche se appare grande e imponente dall'esterno, la sua parte migliore è l’interno - grazie alle pitture murali raffiguranti episodi e leggende della vita norvegese, ma anche perché è qui che, dal 1990 viene consegnato il premio Nobel per la pace. Raccomandiamo di prenotare il tour guidato della città.



Non lontano, si può visitare la Fortezza di Akershus, dove la storia del Paese visse momenti cruciali e pantheon della monarchia norvegese. Dopo questo viaggio attraverso i secoli, ci dirigiamo verso il distretto storico di Kvadraturen alla ricerca di un po’ di trambusto. È sul Karl Johans Gate, l'arteria principale della città, che si trovano negozi, bar, ristoranti e gallerie.


Prima di mettersi in partenza per visitare i fiordi, vale la pena visitare il Museo delle Navi Vichinghe. Le navi Oseberg, Tune e Gokstad, costruite in legno nel IX secolo e rimaste nascoste in tombe vichinghe per mille anni, sono autentici cimeli che testimoniano la pertinenza della Norvegia nell’ambito del patrimonio storico scandinavo.

In poco tempo è possibile raggiungere i folti boschi del Paese dal centro di Oslo, in quanto 242 dei 450 chilometri quadrati della città sono adibiti ad aree verdi. La capitale della Norvegia si trova sul Fiordo di Oslo, largo ben 100 chilometri.

Niente di strano, dato che il fiordo è il più grande simbolo naturale della Norvegia. A proposito che cos’è un fiordo? Si tratta di una valle molto ripida di origini glaciali, ad una latitudine vicino al Polo Nord, e situata a notevoli profondità marine. In poche parole, vere e proprie opere d'arte naturali, scolpite dall'erosione glaciale che producono valli mozzafiato. La Norvegia è il Paese con la più grande concentrazione di fiordi al mondo.

Bergen è un ottimo punto di partenza per visitare la terra dei fiordi. Questa città, 450 chilometri a ovest da Oslo, è la seconda più grande del Paese ed è una destinazione inevitabile per chi ha tempo da dedicare alla visita di numerosi punti d’interesse. Bella e piena di tradizione, Bergen è intrinsecamente legata alla cultura norvegese. Tra l’altro, è anche la città di nascita del compositore di musica classica Edvard Grieg (1843-1907), uno dei più famosi compositori norvegesi.

Da qui, continuiamo a salire. Sebbene Oslo e Bergen siano ad alte latitudini relativamente al resto d'Europa, esse sono situate a sud della Norvegia. Da Bergen, si può prendere una barca verso il colorato Hardangerfjord o verso diversi siti di Sognefjord, il più grande e più profondo dei fiordi. A Luster, la parte interna di Sognefjord, andiamo alla ricerca della stavkirke di Urnes,detta anche chiesa a pali portanti, o chiesa medioevale costruita interamente in legno strutturale. Patrimonio dell'umanità dell'UNESCO dal 1979, si tratta del più antico esempio di chiesa a pali portanti della Scandinavia, uno dei più grandi patrimoni culturali della Norvegia.

Un po’ più a nord, è possibile mettere a paragone la grandezza del Sognefjord con la bellezza del Geirangerfjord. Se il primo è il più grande, il secondo, anch’esso e patrimonio dell'UNESCO, è una meraviglia abbagliante con impressionanti cascate e incantevoli ville sparse tra le montagne. Qui troveremo la famosissima, stretta e tortuosa strada di Trollstigen, conosciuta come "il percorso d'oro" che si snoda attraverso più di 100 chilometri di valli. Con niente di più che la natura in sottofondo.

Continuiamo a salire verso Tromsø, alla ricerca dell’aurora boreale. Ogni luogo è una scoperta sorprendente. La città di Ålesund è eccellente per fare una pausa prima di dirigersi verso i fiordi del nord, in uno scenario da favola: l'abbondante architettura Art Nouveau è tipicamente scandinava, divenendo il marchio di fabbrica di Ålesund dopo il grande incendio del 1904.


A Molde, siamo tentati di passare sulla Strada Atlanticache porta a Kristiansund e che sembra interagire con le onde del mare. E a Trondheim, terza città del Paese, è impossibile ignorare la cattedrale gotica di Nidaros, la più grande chiesa medievale della Scandinavia e santuario nazionale.

La natura regna sovrana e l'arcipelago delle Lofotensi prepara a rompere dei record. Anche se siamo già nel Circolo Polare Artico, le temperature a Lofoten sono più miti che in altre regioni alla stessa latitudine grazie all'influenza della Corrente del Golfo. I piccoli villaggi di pescatori nelle isole sono circondati da unabellezza quasi eterea dove raccomandiamo di praticare: sci, safari, snorkeling, rafting, giri in mountain bike ... o semplicemente fare passeggiate all’aperto. Se vi trovate in zona tra maggio e agosto, potete scegliere tanti posti dai quali godersi il sole di mezzanotte.

Se in estate il sole non tramonta mai, la luce d’inverno è uno spettacolo a sé stante. Le luci del nord, un fenomeno scientificamente noto come aurora boreale, si producono per effetto di particelle elettriche solari presenti nell’atmosfera.

Finalmente arriviamo a Tromsø, la “capitale dell’Artico” e la città più settentrionale d’Europa. Situata in un'isola e circondata da montagne, è famosa per le sue case in legno nel centro storico e una cattedrale molto originale costruita nel 1965. Ma soprattutto grazie alle luci del nord - Tromsø è uno dei migliori posti al mondo dove ammirare l’aurora boreale. In strada e nel planetario cittadino.

E allora a questo punto pensiamo: siamo in capo al mondo. In realtà, non lo siamo — l’ arcipelago Svalbard giace a mille chilometri sotto in nostri piedi!


In partenza: Se resta ancora del tempo prima di prendere l'aereo, Oslo

ha un'altra buona proposta da fare ai suoi visitatori per dare loro alcuni momenti di svago: il salto con gli sci a Holmenkollen che si trova in una collina con una splendida vista sulla città. Nella struttura si trovano un museo e un ristorante, così possiamo essere sicuri che vi trattiate bene.

Con così tante cose che li circondano, potrebbe sembrare strano che i norvegesi siano riservati e umili. Questo potrebbe essere spiegato dalla legge di Jante, un insieme di principi che raccomandano modestia individuale nella condotta pubblica, come descritto dallo scrittore Aksel Sandemose.

Il dubbio rimane: possono i norvegesi applicare la stessa legge quando paragonano i tesori della Norvegia con quelli del resto del mondo? Il resto del mondo potrebbe perdere la competizione.

Trova ispirazione nei nostri suggerimenti

Esplora le nostre destinazioni

Oslo
Norvegia Oslo
Famiglia Neve Momenti romantici
Città più vicine
      Seleziona data
      Seleziona date
      Mi Piace
      Vai alla versione accessibile su youtube.
      WishList
      Condividi