Risultati
Città più vicine
    Mi Piace
    Vai alla versione accessibile su youtube.
    WishList
    Condividi
    Contenuto

    In viaggio per gli Stati Uniti - Prepara i documenti

    Viaggiare negli Stati Uniti

    Esistono regole specifiche per poter viaggiare negli Stati Uniti. Occorre ottenere un’apposita autorizzazione ed essere in possesso dei documenti necessari.

    Anche i passeggeri che non hanno bisogno di visto per entrare negli Stati Uniti devono in ogni caso richiedere un’autorizzazione di viaggio. 

    Qui diamo tutte le informazioni sul Programma Viaggio senza Visto e sulle procedure da seguire

    Ricordiamo ai passeggeri che senza l’apposita autorizzazione (o il visto) non sarà consentito loro l’ingresso nel paese.

    Programma Viaggio senza Visto

    I passeggeri che si recano negli Stati Uniti per turismo o per affari, per un periodo pari o inferiore a 90 giorni, non hanno bisogno del Visto se sono cittadini di uno dei seguenti Paesi:

    Andorra Lituania
    Australia Lussemburgo
    Austria Malta
    Belgio Norvegia
    Brunei Nuova Zelanda
    Cile Olanda
    Danimarca Portogallo
    Estonia Principato di Monaco
    Finlandia Regno Unito*
    Francia Repubblica Ceca
    Germania Repubblica di Corea
    Giappone San Marino
    Grecia Singapore
    Irlanda Slovacchia
    Islanda Spagna
    Italia Svezia
    Lettonia Svizzera
    Liechtenstein Ungheria
    *cittadini britannici solo con il diritto illimitato di dimora permanente in Inghilterra, Scozia, Galles, Irlanda del Nord, isole del canale della Manica e Isola di Man.

    Per maggiori informazioni sull’esenzione dal Visto consultare il sito U.S. Customs and Border Protection

    Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio (ESTA)

    Per potersi recare negli Stati Uniti, coloro che hanno il passaporto di uno di questi Paesi, se rilasciato dopo il 2001, devono richiedere un’autorizzazione tramite il Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio.

    Per ottenerla, basta compilare il relativo modulo sul sito web. L’autorizzazione dev’essere ottenuta almeno tre giorni prima della partenza. Per evitare contrattempi è preferibile richiederla prima di prenotare il viaggio.

    Dal 20 marzo 2010 sono soggette a sanzioni anche le compagnie aeree che consentano ai passeggeri sprovvisti dell’autorizzazione di viaggiare negli Stati Uniti.
    A partire da tale data, TAP si riserva il diritto di negare l’imbarco ai passeggeri senza autorizzazione fin quando non abbiano regolarizzato la situazione.

    Procedura

    1. Accedi al sito del Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio e compila il modulo base con le proprie generalità.
    2. Ottenuta l’autorizzazione di viaggio, stampa il documento e unirlo al proprio passaporto, per presentarlo,  se richiesto, all’uscita dal Portogallo o al controllo di frontiera negli Stati Uniti.
    3. Se il sistema risponde "Viaggio non autorizzato" il passeggero deve richiedere un visto non-immigranti presso il Consolato o l’Ambasciata di Lisbona.
    4. Se il sistema indica "Autorizzazione in corso di concessione" il viaggiatore deve consultare nuovamente il sito dopo 72 ore per ottenere la risposta definitiva.
    5. L’autorizzazione è valida per 2 anni dalla data dell’emissione e permette di rientrare nel Paese diverse volte. Se nel frattempo il passaporto dovesse scadere, occorrerà richiedere una nuova autorizzazione.

     

    Per maggiori informazioni:

    Ambasciata americana in Portogallo - Visti per gli U.S.A.

    Governo degli U.S.A. - Programma Viaggio senza Visto

    Informazioni obbligatorie

    Per motivi legali, tutti i passeggeri che viaggiano verso gli Stati Uniti devono fornire obbligatoriamente, all’atto della prenotazione, i seguenti dati:

    • Nome completo
    • Sesso
    • Data di nascita
    • Numero e scadenza del passaporto/documento d’identità
    • Redress number, se il caso

    Le prime 3 informazioni sono assolutamente obbligatorie.

    Le compagnie aeree sono obbligate a inviare questi dati alle autorità statunitensi minimo settantadue (72) ore prima della partenza del volo, pena la facoltà di cancellare la prenotazione, anche quando il biglietto sia stato già emesso.

    TAP chiede la collaborazione di tutti i passeggeri interessati, al fine di poter adempiere agli obblighi di legge nei tempi previsti e di garantire così la consueta qualità del servizio.

    Accesso ai dati dei passeggeri

    I dati forniti dai passeggeri sono trattati secondo precisi criteri. 

    Informazioni sull’accesso ai dati dei passeggeri

    La legislazione degli Stati Uniti stabilisce che tutti i vettori operanti voli con partenza, destinazione o scalo negli Stati Uniti devono fornire all’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere degli USA l'accesso elettronico ai dati dei propri passeggeri, allo scopo di prevenire e combattere il terrorismo e altri reati gravi.

    TAP ottempera a quest’obbligo giuridico.

    Informazioni trasmesse

    L’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere degli Stati Uniti ha accesso ad alcuni dati relativi alle prenotazioni e agli itinerari (PNR) dei passeggeri in viaggio da, per o con scalo negli Stati Uniti, quali ad esempio:

    • nome del passeggero
    • contatti telefonici o di altro tipo
    • dettagli sull’itinerario di viaggio (data, origine, destinazione, numero del posto a sedere, numero dei bagagli)
    • registro e informazioni fornite nel processo di prenotazione.
    L’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere non farà uso dei dati considerati "sensibili" inclusi nella prenotazione, quali ad esempio:

    • identità razziale e origine etnica
    • credo religioso e politico
    • informazioni sullo stato di salute
    Potranno essere utilizzate le informazioni relative alle preferenze alimentari o ai servizi medici richiesti dal passeggero.

    Chi ha accesso ai dati della prenotazione e a quali scopi

    L’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere potrà accedere al registro dei passeggeri aerei (PNR) ed utilizzarne le informazioni per prevenire o combattere il terrorismo ed altri reati gravi.

    In base alla legislazione vigente negli USA, i dati sulle prenotazioni non possono essere divulgati. In taluni casi tali dati potrebbero essere trasmessi ad altre autorità governative competenti per l'adempimento delle leggi e per la lotta al terrorismo.

    I dati potrebbero inoltre essere utilizzati per proteggere l'interesse vitale dei passeggeri o di terzi (ad esempio, nei casi di emergenza sanitaria pubblica), o ancora, nell'ambito della prosecuzione di reati o di procedimenti giudiziari o in altri casi previsti dalla legge.

    Dati della prenotazione

    I dati del codice di prenotazione (PNR) sono ottenuti direttamente attraverso il sistema di Prenotazioni e di Check-in del vettore dall’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere degli USA e sono analizzati prima dell'atterraggio del volo, per individuare la presenza di passeggeri potenzialmente pericolosi.

    Informiamo inoltre che i dati sono conservati dall’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere per un periodo di tre anni e sei mesi. Se l’Ufficio ha effettuato un accesso manuale agli stessi durante tale periodo, i dati sono conservati in formato non elettronico per gli otto anni successivi, per eventuali verifiche.

    L’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere potrà adottare altre misure tecniche e organizzative per prevenire l'utilizzo non autorizzato dei dati.

    Diritti dei passeggeri

    • I Passeggeri possono richiedere una copia del registro della prenotazione presente nel database dell’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere.
    • Tuttavia tale organo potrà negare l’accesso ai dati, se esiste il sospetto che ciò possa interferire con l'adempimento della legge, o possa favorire la divulgazione di tecniche e procedure di indagine giudiziaria.
    • La decisione di rifiutare la divulgazione del registro della prenotazione da parte dell’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere degli USA è impugnabile.
    • I passeggeri possono ottenere la rettifica dei dati presenti nella loro prenotazione, archiviati presso l’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere USA, se l’Ufficio lo ritenga appropriato e qualora vi siano adeguate motivazioni.

    Accesso ai registri delle prenotazioni

    Come richiedere il registro della propria prenotazione o la rettifica dello stesso o effettuare un ricorso

    La richiesta di accesso al registro della propria prenotazione, di proprietà dell’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere degli USA, dovrà essere inviata per iscritto al seguente indirizzo:

    • Freedom of Information Act (FOIA) Request 
    • U.S. Customs and Border Protection 
    • 1300 Pennsylvania Avenue, N.W., Washington, D.C.

    O, in alternativa, al seguente indirizzo: 

    • Disclosure Law Officer, U.S. Customs and Border Protection, Headquarters, Washington, D.C.

    Per ulteriori informazioni sulle procedure da seguire per effettuare la richiesta, consultare la Sezione 103.5 del titolo 19 del Codice dei Regolamenti Federali degli USA.

     
    Eventuali richieste scritte di rettifica e reclami circa il trattamento dei dati della prenotazione possono essere indirizzati a:

    • U.S. CBP's Assistant Commissioner, Office of Field Operations
    • U.S. Customs and Border Protection
    • 1300 Pennsylvania Avenue, N.W., Washington, D.C.

    Le decisioni prese dall’Ufficio delle Dogane e della Protezione delle Frontiere degli USA sono riviste dal Garante per la Privacy dell'Organismo responsabile della Sicurezza Interna degli USA, a Washington, DC 20528.

    Qualora il passeggero non ritenga soddisfacente la risposta ricevuta dalle autorità statunitensi, potrà inoltrare una richiesta di revisione all'autorità competente per la Protezione dei Dati di uno dei paesi dell’UE.